Avviso per la nomina membro del Consiglio di Amministrazione della Casa di riposo A.B. Ottolenghi – Onlus


 
Il Sindaco di Alba deve procedere alla nomina di UN Consigliere di Amministrazione nel CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELLA CASA DI RIPOSO “A.B. OTTOLENGHI – ONLUS” DI ALBA

Le candidature dovranno pervenire alla Segreteria Generale del Comune di Alba (Ufficio Contratti) – Piazza Risorgimento n. 1 – 12051 – ALBA con le seguenti modalità:
PEC all’indirizzoü comune.alba@cert.legalmail.it
Previa prenotazione telefonica al n.ro 0173/292271 all’Ufficio Contratti

Previa prenotazione telefonica al n.ro 0173/292257 all’Ufficio Protocollo del Comune di Alba

Mediante e mail all’indirizzo di posta elettronica
segreteriagenerale@comune.alba.cn.it

entro e non oltre le ore 12 del giorno 29 gennaio 2021

I candidati dovranno corredare la loro domanda, completa di generalità (nome e cognome, luogo e data di nascita, residenza, domicilio, codice fiscale, recapito telefonico e mail), con la seguente documentazione:
• curriculum vitae dettagliato 
• titolo di studio
• attività lavorativa svolta
• dichiarazione dei requisiti necessari per la nomina a Consigliere Comunale

Le informazioni comunicate a questa Amministrazione Comunale saranno trattate in ottemperanza a quanto previsto dal D. Lgs. 196/2003, esclusivamente ai fini del procedimento di designazione.
Il presente avviso è pubblicato sul internet del Comune www.comune.alba.cn.it e all’Albo Pretorio on line dal 13 gennaio 2021.

Per eventuali informazioni: 0173/292271

Avviso_CDA_Ottolenghi.pdf

Popolazione diminuita di 251 unità rispetto all’1 gennaio 2020

Il Comune di Alba ha una popolazione residente di 31.345 abitanti, 14.883 maschi e 16.462 femmine. Secondo i dati estrapolati dal data base comunale al 31 dicembre 2020, la popolazione residente è diminuita di 251 unità rispetto all’1 gennaio 2020 quando era 31.596.

 

I minori di 18 anni sono 4.634, gli ultra 65enni sono 8.063, gli ultra novantenni sono 547, i residenti che festeggiano 100 anni quest’anno sono 6, gli anziani ultra centenari nati prima del 1920 sono 6.

 

Nel 2020 sono nati 214 bambini residenti: 119 maschi e 95 femmine. Di questi, 48 sono bimbi nati da genitori stranieri che hanno avuto 28 maschi e 20 femmine.

 

I residenti morti sono stati 436: 203 uomini e 233 donne. 86 morti in più rispetto all’anno scorso quando erano stati 350.

Gli stranieri residenti sono 3.686: 1.692 maschi e 1.994 femmine. I minori sotto i 18 anni sono 766, mentre gli ultra 65enni sono 167. Rispetto all’anno precedente, la popolazione straniera è diminuita di 46 unità. Infatti, al 31 dicembre 2019 era 3.732.

 

Gli immigrati presenti ad Alba provengono soprattutto da Romania (1.434), Marocco (443), Albania (398), Macedonia (263) e Bulgaria (165).

 

Per quanto riguarda lo stato civile, durante l’anno 2020 in città sono stati celebrati 57 matrimoni. Di questi, 52 sono matrimoni solo con rito civile, il rimanente 5 con cerimonia religiosa.

Mentre nel 2019 erano stati celebrati 100 matrimoni, 58 matrimoni solo con rito civile e 42 con cerimonia religiosa.

Nell’arco del 2020 ad Alba sono state celebrate 2 unioni civili.

 

Mentre le persone che hanno avuto la cittadinanza italiana nel Comune di Alba sono state 78.

Versamento trimestrale per le strutture con meno di 1000 pernottamenti

L’Amministrazione albese modifica il Regolamento comunale dell’imposta di soggiorno per venire incontro alle strutture ricettive più piccole, dopo un’annata particolarmente difficile per il turismo a causa dell’emergenza Coronavirus.

Con delibera del Consiglio comunale, è stato stabilito che, qualora nell’anno precedente la struttura ricettiva abbia registrato un numero di pernottamenti inferiore a 1.000, la tassa possa essere versata al Comune non più solo mensilmente, come già previsto dal Regolamento, ma - come opzione aggiuntiva - anche trimestralmente. Le attività quindi potranno scegliere in base alle proprie necessità fra le due modalità, ovvero versando l’imposta di soggiorno riscossa entro il mese successivo o, in alternativa, al termine del trimestre. La modifica entrerà in vigore dal 1° gennaio 2021.

In questi mesi abbiamo ricevuto numerose segnalazioni dalle strutture ricettive che riscuotono importi ridotti di imposta di soggiorno, per cui il versamento mensile risulta un adempimento gravoso e oneroso rispetto al mero valore della tassa da riversare – spiega il sindaco Carlo Bo -. Abbiamo così deciso di modificare uno degli articoli del Regolamento per accogliere le richieste che ci sono state fatte e offrire questa doppia possibilità di pagamento ai titolari delle nostre strutture, in attesa di poter di nuovo ospitare visitatori in città e rivivere le stagioni turistiche a cui eravamo abituati”.

Dal Comune 25 mila euro per lo Sferisterio Mermet

Il Comune di Alba ha destinato 25 mila euro allo Sferisterio Mermet. Mercoledì 30 dicembre in municipio, il sindaco di Alba Carlo Bo ha incontrato il presidente della Fondazione Sferisterio Mermet Nando Vioglio. L’incontro è stato occasione per parlare anche del recente ripescaggio in Serie A della “rinata” Pallonistica Albese con il nuovo capitano Bruno Campagno e i suoi compagni di squadra Roberto Corino, Lorenzo Bolla e Michele Vincenti.
Per il gioco in Serie A, il “tempio del balon” deve essere messo in sicurezza con lavori di sistemazione del campo, dell’area spettatori e degli spogliatoi.

Il sindaco Carlo Bo, con il consigliere delegato allo Sport Daniele Sobrero, aveva già incontrato i rappresentanti della Fondazione Mermet nel mese di ottobre per rassicurarli che il Comune di Alba avrebbe fatto la sua parte per gli interventi sullo Sferisterio, insieme con le altre realtà sin dall’inizio in prima linea per sostenere la rinascita del Mermet.

Siamo orgogliosi ed emozionati di poter finalmente rivedere la società albese in serie A – dichiara il sindaco di Alba Carlo Bo - e, a maggior ragione, se potrà tornare ad allenarsi e a disputare le partite all’interno dello Sferisterio Mermet, un pezzo di storia della nostra città. Con l’augurio che da quest’anno in avanti, compatibilmente con l’emergenza sanitaria, possa tornare a diventare il fulcro del mondo del balon, coinvolgendo sempre più giovani e appassionati”.

«Il progetto di sistemazione – spiega il presidente della Fondazione Sferisterio Mermet Nando Vioglioprevede i primi interventi urgenti per la messa in sicurezza dello Sferisterio. Sono da adeguare alle normative sia l’area di gioco, sia la zona spettatori. Bisognerà anche ristrutturare gli spogliatoi per gli atleti e fare un’uscita di sicurezza per il pubblico su via Diaz. Una particolare attenzione sarà riservata anche agli adeguamenti secondo le normative anti-Covid. I lavori dovrebbero partire a febbraio e speriamo di essere pronti per aprile, quando, coronavirus permettendo, dovrebbe riprendere il campionato».

Dopo travagliate vicende, lo Sferisterio Mermet è stato acquistato il 28 novembre 2018 dalla Fondazione Mermet per un importo di 700 mila euro: il Comune ha fatto la sua parte con 200 mila euro, la Fondazione Crc ha messo 200 mila euro ed il notaio Vincenzo Toppino ha messo 300 mila euro.