Tutti i mercati cittadini chiusi fino al 13 aprile

Il primo cittadino albese ha firmato l’Ordinanza che prevede la chiusura di tutti i mercati in città fino alla data del 13 aprile 2020.

Ho deciso di non riaprire i mercati, prorogandone la chiusura – dichiara il Sindaco di Alba Carlo Bo -, in quanto ho verificato personalmente l’impossibilità di garantire adeguate condizioni di sicurezza, anche alla luce del fatto che sono ancora troppi gli albesi che circolano in città. Ho preso questa decisione perché la sicurezza delle persone viene prima di tutto. Il miglior ringraziamento per i tanti operatori sanitari impegnati in prima linea, che ogni giorno combattono la difficile battaglia contro questo virus, è quello di limitare le occasioni di contagio. Ho dato indicazione alla Polizia Municipale di rafforzare i controlli in città e di sanzionare chi circola senza adeguate movitazioni".

Accordo tra Comune, Banca d'Alba e A.c.a. a sostegno delle imprese

Finanziamento per le aziende
FINALITÀ LIQUIDITÀ

Una nuova, incisiva azione a favore delle imprese danneggiate dall'emergenza Coronavirus è stata messa in campo da Comune di Alba, Banca d'Alba e Associazione Commercianti Albesi che venerdì 3 aprile 2020 hanno siglato uno specifico protocollo d'intesa.


Le attività associate all'A.C.A., in crisi di liquidità per i mancati incassi di questo periodo di chiusura e con necessità di ottemperare a pagamenti urgenti, potranno avvalersi di una speciale misura denominata “Finanziamento per le aziende – Finalità liquidità”.


La misura prevede un finanziamento fino a 60.000 euro, garantito dal Fondo Centrale di Garanzia. La durata massima è di 60 mesi (5 anni), con il versamento della prima rata solo dopo nove mesi dall'erogazione. Per i primi 24 mesi sarà applicato il tasso zero, mentre per il restante periodo sarà applicato il tasso fisso 0,90%. Non sarà applicata alcuna ulteriore spesa.


Il costo delle pratiche di richiesta della garanzia (euro 350,00) verrà interamente sostenuto dal Comune di Alba e dall'Associazione Commercianti Albesi per le imprese con sede nel territorio comunale di Alba; per le imprese site nei comuni del territorio di Langhe e Roero l’intero costo sarà a carico dell’A.C.A.


Non possiamo dichiarare finita l’emergenza sanitaria, ma dobbiamo già confrontarci anche con quella economica – dichiara il Sindaco di Alba Carlo Boe quindi è indispensabile individuare immediatamente percorsi di supporto per ripartire. La nostra città, così come l’intero territorio, sono diventati un’eccellenza mondiale grazie all’impegno delle tante imprese qui insediate; adesso tocca a noi istituzioni fare tutto il possibile perché possano proseguire il loro lavoro che è fonte di ricchezza per la cittadinanza tutta”.


Il Presidente di Banca d’Alba, Tino Cornaglia: “E’ il momento di “fare rete” con le istituzioni e le associazioni di riferimento del territorio per fornire soluzioni immediate e concrete alle famiglie e alle imprese, con l’obiettivo di ripartire presto. Noi ci siamo e faremo la nostra parte”.


Grazie ai partner dell'iniziativa – spiega il presidente A.C.A. Giuliano Viglionepossiamo dare un sostegno tangibile alle tante imprese che in queste settimane non possono incassare ma si trovano a far fronte a spese fisse e improcrastinabili. Procurare alle aziende denaro ad un costo simbolico è una priorità che può fare la differenza nel periodo di chiusura, insieme ad altre iniziative già intraprese, in attesa di misure concrete per la ripartenza che purtroppo stanno tardando a giungere dalle istituzioni”.

Numeri telefonici in aiuto alle donne vittime di violenza

L’Assessorato alle Pari Opportunità del Comune di Alba, insieme alla Consulta Pari Opportunità ed alla locale Rete Antiviolenza, ricorda che anche in questo momento di emergenza sono attivi i servizi del territorio per le donne vittime di violenze e i numeri utili, contattabili in caso di necessità, sono i seguenti:

 (Numeri Locali)

  • Polizia Municipale di Alba: 0173 33664
  • Consorzio Socio Assistenziale Alba Langhe e Roero: 0173 364061
  • Centro Antiviolenza "Mai + Sole": 335 1701008 / 331 6893684
  • Ordine degli Avvocati di Asti: 0141 593204

 

(Numeri Nazionali)

  • Numero Nazionale Antiviolenza e Stalking: 1522
  • Numero Unico Emergenze: 112

 

Riaprono i mercati di frutta, verdura ed alimentari da mercoledì 8 aprile

Accogliendo le indicazioni degli operatori sanitari che indicavano come fase di picco del Coronavirus le due settimane che si concluderanno domenica 22 marzo, il Sindaco Carlo Bo aveva firmato un’ordinanza di sospensione dei mercati cittadini.
 
La decisione era stata vagliata con attenzione perché l’Amministrazione tutta era consapevole dei sacrifici che avrebbe comportato sia ai cittadini sia agli ambulanti, ma aveva prevalso il senso di responsabilità, per cercare di limitare al massimo il contagio.

In questi giorni l’Assessore al Commercio e alla Polizia Municipale è impegnato a concordare le modalità per la riapertura, con il supporto degli uffici comunali competenti, della Federazione Italiana Venditori Ambulanti e dell’Associazione Commercianti Albesi.

Abbiamo predisposto le planimetrie delle aree mercatali – dichiara l’Assessore Marco Marcarinoper consentire un’adeguata distanza tra i banchi e abbiamo contattato gli ambulanti e i contadini per verificare il numero di quelli disponibili, in modo da garantire un accesso scaglionato e in piena sicurezza”.

Si ripartirà mercoledì 8 aprile, con i mercati rionali della Moretta e di Piazza San Paolo, e con regole precise: solo generi alimentari e piantine da orto, un cliente alla volta per ogni banco e merce servita direttamente dagli ambulanti. A vigilare saranno la Polizia Municipale e i volontari della Protezione Civile, impegnati anche a evitare assembramenti sia nelle piazze sia nelle vie di accesso.

Ringraziamo l'Amministrazione comunale della Città di Alba, il Sindaco Carlo Bo e l’Assessore al Commercio Marco Marcarino per aver lavorato con le ripartizioni comunali competenti al fine di programmare la riapertura dei mercati cittadini – dichiarano Sergio Coraglia, presidente del Sindacato territoriale F.I.V.A. di Alba, e Marco Scuderi, responsabile Marketing del Territorio dell'Associazione Commercianti Albesi -. Il mercato è da sempre un punto di riferimento per gli albesi, in particolare durante questo periodo di restrizioni e di sacrifici per tutti. Prediligendo i mercati di quartiere in prossimità delle residenze, invitiamo i clienti a ritornare presso i nostri banchi, dove gli operatori garantiscono prodotti e servizio di qualità, in un contesto di sicurezza all'aria aperta, condizioni che confidiamo possano rappresentare un incentivo per rinnovarci la fiducia e a venirci a trovare”.

L’Amministrazione comunale invita i cittadini a non abbassare la guardia, mantenendo comportamenti prudenti e seguendo le regole di igiene e distanziamento sociale previste dai Decreti.

Abbiamo deciso di ripartire con i mercati in tutte le zone della città – prosegue l’Assessore – in modo che le famiglie possano acquistare i beni necessari vicino a casa e anche per supportare gli ambulanti in questo difficile periodo. Voglio, comunque, ricordare a tutti la raccomandazione a limitare gli spostamenti ai casi strettamente necessari”.

Il Comune sigla con Banca d’Alba un accordo di sostegno al territorio


In mattinata il Sindaco di Alba Carlo Bo e il Presidente di Banca d’Alba Tino Cornaglia hanno firmato un importante accordo di sostegno al territorio.
 
L’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus purtroppo non è ancora terminata - dichiara il primo cittadino Carlo Bo - e il suo prolungarsi nel tempo sta generando una conseguente crisi economica che si ripercuote sia sulle famiglie sia su tante attività economiche cittadine. In attesa che i provvedimenti governativi individuino le misure a disposizione degli enti locali, come amministrazione comunale ci siamo attivati prontamente per reperire risorse e individuare strategie di intervento immediato”.
 
In tale ottica è stato promosso un dialogo con Banca d’Alba, istituto bancario capillarmente diffuso sul territorio e da sempre vicino a moltissime famiglie e aziende per la sua natura di credito cooperativo, per delineare misure di sostegno subito efficaci.
 
L’istituto bancario ha aderito con convinzione all’iniziativa e così oggi si è giunti alla formalizzazione dell’accordo.
 
Ho ritenuto di iniziare l’azione di promozione delle misure di sostegno con Banca d’Alba - prosegue il Sindaco Carlo Bo - perché è la Banca del territorio e può intervenire concretamente a favore di chi è posto in difficoltà dall’emergenza Coronavirus”.
 
Due le linee guida previste da Banca d’Alba: sospensione dei pagamenti dei mutui e anticipo della Cassa Integrazione per le famiglie, mentre per le attività imprenditoriali nuova liquidità, moratoria dei finanziamenti e proroga delle scadenze.
 
Il Presidente di Banca d’Alba, Tino Cornaglia: “Questo accordo nasce da una pronta intesa con il Comune di Alba, che identifichiamo come capofila di un territorio intero. Abbiamo deciso, in aggiunta alle diverse misure di sostegno a famiglie e imprese, di indirizzare un concreto aiuto alle persone che oggi si trovano maggiormente in difficoltà. Condividiamo le preoccupazioni della nostra gente, ma siamo convinti che il nostro territorio saprà riprendere il proprio cammino, sociale ed economico, per tornare alla tanto desiderata normalità”.
 
Come suggello all’accordo, Banca d’Alba ha concordato con il Sindaco di lanciare un segnale concreto immediato erogando l’importante contributo di 100.000 euro al Consorzio Socio-Assistenziale Alba-Langhe-Roero perché ne individui il miglior impiego.