IMU - Imposta Municipale Propria


SALDO 2013

Scadenza: 16 dicembre 2013

Il decreto legge 30 novembre 2013, n. 133, dispone l'abolizione della seconda rata dell'Imu per:

  • l'abitazione principale, ad eccezione degli immobili classificati nelle categorie catastali A/1 (abitazioni di tipo signorile), A/8 (abitazioni in ville) e A/9 (castelli, palazzi di eminenti pregi artistici e storici);
  • le unità immobiliari appartenenti a cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, nonchè gli alloggi regolarmente assegnati dall'ATER;
  • i terreni agricoli, nonchè quelli non coltivati, di cui all'articolo 13 comma 5 del decreto legge n. 201 del 2011, solo se posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola;
  • i fabbricati rurali ad uso strumentale di cui all'articolo 13, comma 8, del decreto legge n. 201 del 2011.

Inoltre, il decreto legge del 31 agosto 2013, n. 102, convertito dalla legge 28 ottobre 2013, n. 124, ha stabilito che:

  1. per l'anno 2013 non e' dovuta la seconda rata dell'Imu relativa ai fabbricati costruiti e destinati dall' impresa costruttrice alla vendita, fino a quando permane tale destinazione e non siano in ogni caso locati;
  2. le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, sono equiparate all'abitazione principale;
  3. non sono richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica ai fini dell'applicazione della disciplina in materia di Imu concernente l'abitazione principale e le relative pertinenze, a un unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, purchè il fabbricato non sia censito nelle categorie catastali A/1, A/8 o A/9, che sia posseduto, e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze Armate e alle Forze di Polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente dalle Forze di Polizia ad ordinamento civile, nonchè dal personale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, e, fatto salvo quanto previsto dall'articolo 28, comma 1 del Decreto Legislativo 19 maggio 2000, n. 139, dal personale appartenente alla carriera prefettizia. Per l'anno 2013, la disposizione di cui al primo periodo si applica a decorrere dal 1° luglio.

N.B. Ai fini dell'applicazione dei benefici citati ai punti da 1 a 3, il soggetto passivo presenta, a pena di decadenza entro il termine del 30 giugno 2014, apposita dichiarazione Imu su modello ministeriale con la quale attesta il possesso dei requisiti e indica gli identificativi catastali degli immobili ai quali il beneficio si applica.

_______________________________________________________________________________

L'Imu è l'Imposta municipale propria che in via sperimentale dal 1 gennaio 2012, ha sostituito, per la componente immobiliare:

  • l’Ici – imposta comunale sugli immobili; 
  • l'Imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) e le addizionali regionali e comunali dovute sui redditi fondiari relativi a immobili non locati.

"Per l'anno 2013 non è dovuta la prima rata dell'imposta municipale propria di cui all'articolo 13 del Decreto Legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito con modificazioni dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, relativa agli immobili di cui all'articolo 1, comma 1, del Decreto Legge 21 maggio 2013 n. 54, convertito con modificazioni dalla Legge 18 luglio 2013, n. 85" (ai sensi dell'art. 1 del D.L. 102 del 31/08/2013)

 Decreto Legge 31/8/2013 n. 102

Per informazioni riguardanti l'acconto IMU 2013 e' possibile consultare la guida

Accedendo ai seguenti collegamenti puoi consultare:

alt  le aliquote deliberate dal Comune di Alba

alt  le modalità di versamento 

alt  il ravvedimento operoso

alt  la dichiarazione IMU - Anno 2013

alt  il regolamento
 
alt  le aree edificabili


La rendita catastale dei propri immobili può essere verificata presso lo Sportello Catastale Evoluto di Alba oppure via internet collegandosi al sito dell' Agenzia del Territorio.
  
Il modello F24 può essere scaricato e stampato dal sito dell' Agenzia dell'Entrate ove sono riportate anche le istruzioni relative alla compilazione.