Alba è Spiga Verde 2019

Alba conquista il riconoscimento “Spiga Verde 2019”. Per il terzo anno consecutivo, la capitale delle Langhe ottiene il premio annuale conferito per l’attenzione al territorio, alla qualità della vita, all’agricoltura e alla sostenibilità ambientale, indetto da Foundation for Environmental Education Italia (Fee, presente in 73 paesi mondiali) e Confagricoltura.

Riassegnato anche quest’anno alla città il marchio di qualità ecologica dedicato ai comuni con aree rurali, omologo della Bandiera Blu per le zone di mare.

Un prestigioso eco-label certificazione di processi virtuosi ed espressione concreta di un processo di miglioramento continuo per contribuire alla salvaguardia delle risorse del pianeta, conquistato dalla capitale delle Langhe per la prima volta nel 2017.

Il prestigioso riconoscimento consegnato stamane, giovedì 25 luglio, a 42 località italiane, nel Palazzo della Valle, sede di Confagricoltura, a Roma, è stato ritirato per Alba dall’assessore comunale Elisa Boschiazzo.

«E’ stato un bellissimo momento partecipare alla quarta edizione di questa iniziativa e ricevere questo prestigioso premio – commenta l’assessore Elisa Boschiazzo - Per il terzo anno consecutivo, Alba ha partecipato al bando grazie all’impegno dell’ex assessore all’Agricoltura Massimo Scavino e degli uffici, che ringraziamo, ottenendo la bandiera per l’attenzione al territorio, alla qualità della vita, all’agricoltura e alla sostenibilità ambientale. Ne siamo orgogliosi».

Per raggiungere il prestigioso riconoscimento, è stata presentata anche quest’anno una corposa documentazione a supporto di un lungo questionario con domande su la partecipazione pubblica; l’educazione allo sviluppo sostenibile; il corretto uso del suolo; la presenza di produzioni agricole tipiche, la sostenibilità e l’innovazione in agricoltura; la qualità dell’offerta turistica; l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione; la gestione dei rifiuti con particolare riguardo alla raccolta differenziata; la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio e del paesaggio; la cura dell’arredo urbano; l’accessibilità per tutti senza limitazioni.

Per due anni consecutivi, Alba è stata l’unica città del Piemonte ad ottenere il premio. Quest’anno, accanto alla capitale delle Langhe, hanno ricevuto il riconoscimento anche Pralormo, Santo Stefano Belbo, Vicoforte, Canelli e Volpedo.

Le candidature sono state esaminate da una commissione di valutazione formata da esponenti di diversi enti istituzionali come il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare; il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo; il Comando Unità Tutela Forestale, Ambientale e Agroalimentare dell’Arma dei Carabinieri; l’ISPRA; il CNR e Confagricoltura.

Premiate 42 località rurali di 13 regioni italiane, una in più rispetto alla precedente edizione.
Le tre regioni con il maggior numero di riconoscimenti sono Piemonte, Marche e Toscana, tutte con 6 località.

Oltre alle 6 città del Piemonte, le altre località “Spiga Verde 2019” sono: nelle Marche: Esanatoglia, Grottammare, Matelica, Mondolfo, Montecassiano e Numana; in Toscana: Castellina in Chianti, Massa Marittima, Castiglione della Pescaia, Castagneto Carducci, Fiesole e Bibbona; seguono la Campania con 5 località (Agropoli, Positano, Pisciotta, Massa Lubrense e Ascea); la Puglia con 4 (Castellaneta, Ostuni, Carovigno, Andria); il Lazio con 4 (Canale Monterano, Anguillara Sabazia, Pontinia, Gaeta). Tre località per il Veneto (Porto Tolle, Caorle, Montagnana) e l’Abruzzo (Tortoreto, Giulianova, Roseto degli Abruzzi). Un comune rurale per ognuna delle seguenti regioni: Liguria (Lavagna), Umbria (Montefalco), Sicilia (Ragusa), Calabria (Trebisacce), Trentino (Cavareno).

Raccomandazioni per prevenire gli incendi

La Prefettura di Cuneo ha segnalato ai comuni la circolare ministeriale del 25 giugno con gli indirizzi operativi per fronteggiare gli incendi boschivi durante l’estate 2019 (Direttiva del Consiglio dei Ministri).

A tal fine, si invitano i cittadini albesi alla cura della vegetazione all’interno delle proprietà private, al taglio di arbusti e alla pulizia dei terreni incolti, in particolar modo se confinanti con zone residenziali. Ciò per prevenire il rischio di incendi ed eventuali danni al patrimonio pubblico e privato.

 

Inoltre, è sempre in vigore l’Ordinanza del Sindaco n.148 del 17/07/2018 che chiede ai cittadini di provvedere al taglio di rami e/o piante radicate sui propri fondi, alla rimozione di filari posti a distanze non conformi con la normativa, che risultano pericolanti ovvero che si protendono oltre il confine delle pertinenze stradali, nascondendo o limitando la visibilità e interferendo in qualsiasi modo con la corretta fruibilità delle vie e della sede ferroviaria, creando pericolo per la pubblica incolumità.

Orari di agosto per gli uffici del Palazzo comunale

Solo per il mese di agosto, gli uffici comunali siti nel Palazzo in piazza Risorgimento, 1 ad Alba chiuderanno al pubblico tutti i mercoledì, osservando i seguenti orari:

 lunedì: chiuso
 martedì: dalle ore 8.30 alle ore 12.30
 mercoledì: chiuso
 giovedì: dalle ore 8.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle 16.30
 venerdì: dalle ore 8.30 alle ore 12.30
 sabato dalle ore 8.30 alle ore 12.00

La chiusura degli sportelli il mercoledì consentirà ai dipendenti di ottimizzare turnazioni e lavoro di back office.

Da settembre riprenderanno i consueti orari.

Nomina rappresentanti del Comune presso enti ed istituzioni

Il sindaco di Alba Carlo Bo deve procedere alla nomina dei rappresentati del Comune presso enti ed istituzioni.

Pertanto, sul sito internet dell’Ente (http://www.comune.alba.cn.it/) è stato pubblicato il bando per le nomine e le designazioni da effettuarsi ed i requisiti richiesti, per consentire le candidature dei gruppi consiliari, delle associazioni di categoria, professionali, sindacali, culturali, di volontariato cittadine e dei singoli cittadini.

 

Entro le ore 12.00 di martedì 23 luglio 2019, i candidati interessati, dovranno fare pervenire il relativo curriculum, sottoscritto, dichiarato veritiero sotto la propria personale responsabilità e contenente le seguenti informazioni:

•        Generalità (data nascita – indirizzo – numero di telefono – e-mail - e ove in possesso indirizzo PEC);

•        titolo di studio;

•        requisiti professionali in riferimento alla carica da ricoprire;

•        attività lavorativa svolta;

•        possesso dei requisiti necessari per la nomina a consigliere comunale.

 

In particolare, il sindaco di Alba deve procedere alla nomina dei seguenti rappresentanti dell’Amministrazione comunale:

-      due rappresentanti nel Consiglio di Amministrazione del Consorzio Socio Assistenziale Alba – Langhe – Roero”;

-      un rappresentante nel Consiglio di Amministrazione del Consorzio Strada Vicinale Borghino;

-      un rappresentante nel Comitato di Gestione Chiesa di San Domenico;

-      i membri della Consulta Comunale Pari Opportunità:

ne possono far parte i rappresentanti delle organizzazioni che operano nella vita sociale, politica ed economica locale come di seguito:

a) un rappresentante per ognuno dei movimenti e/o associazioni operanti nella realtà locale

b) un rappresentante per ciascuna delle testate giornalistiche, radiofoniche e televisive con sede nel territorio comunale

c) un rappresentante delle diverse etnie presenti sul territorio

d) un rappresentante delle congregazioni religiose.

 

-      Cinque componenti il Comitato Tecnico Scientifico Museo Civico “Federico Eusebio”

Richiesti i seguenti requisiti:

a) possesso di specifiche competenze nelle materie di interesse del Museo: archeologia, antropologia, paleontologia, botanica, geologia, zoologia, storia e arte locale

b) possesso di esperienze di collaborazione ad attività museali;

 

-      Cinque componenti per la Commissione Locale per il Paesaggio

Richiesti i seguenti requisiti:

a) possesso di diploma di laurea attinente alla tutela paesaggistica, alla storia dell’arte e dell’architettura, al restauro, al recupero ed al riuso dei beni architettonici e culturali, alla progettazione urbanistica ed ambientale, alla pianificazione territoriale, alle scienze agrarie o forestali ed alla gestione del patrimonio naturale.

I predetti componenti devono aver maturato un’esperienza almeno triennale nell’ambito della libera professione o in qualità di pubblico dipendente in una delle sopraccitate materie.

 

Il curriculum deve essere inviato entro e non oltre le ore 12.00 di martedì 23 luglio 2019 alla Segreteria Generale del Comune di Alba – Piazza Risorgimento, 1 – 12051 Alba.

Tel. 0173 292271; e-mail: contratti@comune.alba.cn.it; PEC: comune.alba@cert.legalmail.it.

 

Il bando integrale è scaricabile cliccando sul seguente link:Bando_Nomine_Sindaco_Enti_Istituzioni_2019