Il sindaco Bo ha presentato al Consiglio le linee programmatiche

Mercoledì 25 settembre, nella sala “Teodoro Bubbio” del Palazzo comunale di Alba, il sindaco Carlo Bo ha presentato al Consiglio comunale le linee programmatiche del mandato (2019 – 2024).

Nel documento, il percorso amministrativo dei prossimi anni definito dal primo cittadino all’insegna del «forte rinnovamento pur nel rispetto della storia e del passato della nostra città», della trasparenza, dell’attenzione alle istanze dei cittadini, della manutenzione del patrimonio comunale, della maggiore accessibilità ai servizi con il supporto delle nuove tecnologie e della revisione degli spazi interni agli uffici comunali.


Mentre sulla giustizia, l’Amministrazione promette impegno per la piena riapertura della Casa di Reclusione e il collegamento con il Garante Comunale delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale. Per quanto riguarda la sicurezza, il sindaco Bo ha parlato di un incremento dei controlli sul territorio attraverso l’aumento delle ore di servizio esterno della Polizia municipale e la collaborazione con le altre forze dell’ordine. Sull’istruzione, l’Amministrazione sarà attenta alla sicurezza degli ambienti, a chi è più in difficoltà con il sostegno all’autonomia degli alunni disabili e al monitoraggio del servizio mensa.


Sulla tutela e la valorizzazione dei beni e delle attività culturali, nei piani dell’Amministrazione c’è la realizzazione del Museo del Tartufo che dovrà diventare volano per l’intero sistema. Inoltre, ci saranno l’attenzione al sistema bibliotecario, investimenti nell’attività teatrale, supporto al Civico Istituto Musicale e sostegno alle attività culturali cittadine. Oltre a ciò, un particolare impegno sarà riservato al servizio “Informagiovani”, sarà rafforzata la collaborazione con il mondo giovanile, sarà sostenuta l’attività sportiva e promosso il dialogo tra i diversi soggetti che gestiscono le strutture sportive comunali.

Per quanto riguarda il comparto turistico, si manterrà il forte rapporto di collaborazione con l’Ente Turismo Langhe Monferrato Roero, si proseguirà l’azione di indirizzo nei confronti dell’Ente Fiera del Tartufo Bianco d’Alba e si riconoscerà il ruolo di promozione svolto dai borghi e dalla Giostra delle Cento Torri. Si lavorerà per prolungare la permanenza dei turisti in città, investendo su eventi a Natale e a Carnevale, per incrementare l’offerta in bassa stagione.
Sarà rafforzata la collaborazione con l’Agenzia Territoriale per la Casa, per una maggiore disponibilità di spazi da raggiungere attraverso la manutenzione degli alloggia a oggi indisponibili.


Si lavorerà per coordinare i soggetti coinvolti nella zona C.4.4 di viale Masera, al fine di raggiungere il completamento dei lavori.
Sull’ambiente, gli obiettivi sono aumentare la percentuale di raccolta differenziata e ridurre la produzione procapite di rifiuti, con particolare attenzione al tema delle plastiche. Impegno anche sul progetto dei boschi urbani per incrementare il verde urbano.
Sarà valutata la realizzazione di nuovi interventi di regimazione e di smaltimento delle acque piovane e saranno monitorati rii e scolmatori per prevenire le problematiche causate dai nubifragi.


Si lavorerà anche sulla viabilità e sui parcheggi per migliorare l’accessibilità alla città.

«Un’opera strategica e indispensabile – ha spiegato il sindaco Boè il terzo ponte sul Tanaro e ci impegneremo al massimo per realizzarla».

L’Amministrazione presserà per il completamento dell’autostrada Asti-Cuneo. Impegno anche per la realizzazione della rotatoria di Scaparoni e Piana Biglini, da costruire in collaborazione con l’Anas. In mezzo a tutto ciò, non mancherà la promozione della mobilità sostenibile.
Sul sociale, l’obiettivo è realizzare interventi specifici rivolti all’infanzia, ai minori, ai soggetti disabili, agli anziani, ai cittadini a rischio di esclusione sociale, alle famiglie e alle associazioni, lavorando in sinergia con il Consorzio Socio-Assistenziale.


Sul tema salute ci si concentrerà sulla destinazione e valorizzazione della struttura dell’attuale ospedale.
Per quanto riguarda il commercio, attenzione particolare sarà riservata ai piccoli negozi, sostenendo la rete commerciale nella città intera. È allo studio anche il lancio di un programma di sostegno per incentivare nuove iniziative imprenditoriali in città. Attenzione anche al mondo agricolo e ai temi legati alla tutela del tartufo bianco d’Alba. Proseguiranno le relazioni internazionali attraverso i gemellaggi e la presenza nel network delle Città Creative Unesco.

All’opposizione, che ha parlato di continuità con i temi passati, il sindaco Carlo Bo ha risposto: «Non c’è discontinuità perché il nostro obiettivo non è buttare quanto di buono è stato fatto finora». A chi ha criticato la mancanza di un tema importante come l’integrazione, il primo cittadino ha detto: «E’ un percorso segnato che proseguirà e spero che ci sia sinergia costruttiva con le cooperative del settore. La gente che viene a trovarmi ha problemi di lavoro e di casa e questi non sono temi né di destra né di sinistra».