Il Sindaco Maurizio Marello: «“fondi Crosetto” sul terzo ponte sul Tanaro»

Maurizio Marello 09 2017 GDivino 1

Giovedì 10 maggio il Sindaco di Alba Maurizio Marello inviato una lettera ai colleghi Sindaci di Langhe Roero sulla vicenda dei cosiddetti “fondi Crosetto”.

Dopo le dichiarazioni rilasciate ai giornali dall’europarlamentare Alberto Cirio con il neo senatore Marco Perosino e il capogruppo di Forza Italia in Consiglio comunale ad Alba, Carlo Bo, in cui si proponeva di riversare a pioggia su altri interventi del territorio di Langhe e Roero i fondi destinati alla costruzione del terzo ponte sul Tanaro, il Sindaco Maurizio Marello chiarisce dettagliatamente ai sindaci perché non è possibile destinare quei fondi ad opere diverse da quelle stabilite nel piano di stanziamento partito con l’articolo 1, comma 78 delle legge 23.12.2005 n. 266 (legge finanziaria 2006), secondo cui “è autorizzato un contributo annuale di 200 milioni di euro per quindici anni a decorrere dall'anno 2007 per interventi infrastrutturali. All'interno di tale stanziamento, sono autorizzati i seguenti finanziamenti: […] n) opere complementari all'autostrada Asti-Cuneo e al miglioramento della viabilità di adduzione e circonvallazione di Alba, in una misura pari all'1,5 per cento delle risorse disponibili a favore delle province di Asti e di Cuneo rispettivamente nella misura di un terzo e di due terzi del contributo medesimo”.

Successivamente, continua Maurizio Marello, un decreto interministeriale del 17.12.2008 articolava il finanziamento erogando alla Provincia di Cuneo un importo annuale di € 1.650.000,00 per anni quindici dal 2008 al 2022 per un importo complessivo pari ad € 24.750.000,00 totalmente impegnati. L’intera somma veniva quindi messa a disposizione della Provincia di Cuneo che poi decideva di finanziare:
1) Variante Est all’abitato di Alba per il collegamento tra l’asse autostradale Asti/Cuneo, l’abitato di Alba e la S.R. n. 29 - lotto 1 - realizzazione nuovo (terzo) ponte sul Fiume Tanaro e collegamenti (€ 12.000.000,00).
2) S.P. 7 e SP 661. Adeguamento del tracciato finalizzato al miglioramento dei collegamenti dell’area albese e braidese con i caselli di Alba Ovest e di Cherasco con l’autostrada Asti-Cuneo:
- variante di Pollenzo e relativi adeguamenti (€ 2.200.200,00);
- tratto Bergoglio – abitato di Bra (€ 3.000.000,00).
3) Variante all’abitato di Cherasco. Nuovo collegamento tra la S.P. 661 e la S.P. 12 e il casello di Cherasco dell’autostrada Asti-Cuneo (€ 7.549.800,00).

Per quanto riguarda, il terzo ponte sul Tanaro, spiega il Sindaco Maurizio Marello, il 30.12.2005 la Giunta comunale ha avviato uno studio di fattibilità, approvato il 13.10.2006. Con protocollo d’intesa dell’aprile 2009 si prevedeva che la Provincia di Cuneo “eseguirà direttamente o coordinerà le attività relative all’utilizzo dei fondi, comprese la progettazione, l’affidamento e l’esecuzione delle opere. I Comuni svolgeranno tutte le attività necessarie per agevolare l’esecuzione degli interventi ed, inoltre, adotteranno i necessari atti di competenza in materia urbanistica, in particolare per l’eventuale adeguamento della pianificazione”. Veniva così approvato il bando pubblico per l’affidamento dell’incarico per la progettazione preliminare delle opere per la “Variante dell’abitato della città di Alba per il collegamento tra la strada regionale per Cortemilia-Savona e la tangenziale per Asti-Cuneo-Torino”. A gennaio 2010 la progettazione preliminare veniva affidata al raggruppamento “Corona – Taiga – Mediapolis – Ingenga – Guasti – Garello” di Torino. Il progetto preliminare, validato, che prevedeva un importo complessivo di € 27.940.841,24, veniva comunicato alla Provincia in data 6.9.2011.

«Il Comune di Alba - chiarisce Maurizio Marello - ha tempestivamente assolto i compiti che gli erano stati assegnati. La Provincia ha avuto il problema del cofinanziamento dell’opera. Servono circa 23 milioni di euro. A fronte dei 12 disponibili dai fondi Crosetto, ne mancavano quindi una decina. Per questo nel 2012 tutte le istituzioni coinvolte nella vicenda dell’Asti-Cuneo, nel famoso accordo ministeriale per il completamento dell’Autostrada del 19 aprile, sottoscritto a Roma, scelsero di inserire il terzo ponte tra quelle opere di adduzione all’autostrada che la società Asti-Cuneo avrebbe dovuto realizzare risolvendo il problema del cofinanziamento, che sarebbe stato a carico della società stessa. Purtroppo, né l’autostrada è stata completata né tanto meno le opere complementari sono state realizzate dalla società Asti-Cuneo e così i fondi Crosetto non sono ancora stati spesi. Non è stato certo a causa nostra. Anche per questo, e tenuto conto che i fondi a quanto pare dovrebbero essere utilizzati entro il 2021, nel recente incontro del Tavolo delle Autonomie con i parlamentari neoeletti ho sollecitato costoro a fare tutto il possibile per utilizzare questi fondi, (magari anche attraverso una proroga della loro validità), al fine di poter realizzare il terzo ponte e le altre opere cui sono specificamente destinati. Opera questa che non è certo di interesse soltanto del Comune di Alba ma di tutto il territorio. Per rendere più agevole la realizzazione di un’opera che, ripeto, sarebbe dovuta essere compresa tra le opere complementari al tratto autostradale ancora da completare, ho dichiarato la disponibilità a stanziare come Comune di Alba € 5.000.000,00. Pensare oggi di dirottare i “fondi Crosetto” per finanziare altre opere significherebbe prendere una strada senza sbocchi e pregiudicare per sempre la possibilità di avere un’opera fondamentale per il territorio come il terzo ponte. Insomma, ci si farebbe del male da soli. Credo, invece, che sia opportuno un impegno supplementare di tutti i politici, ad ogni livello istituzionale, per riuscire ad utilizzare i fondi e vedere così realizzata un’opera che dobbiamo continuare a rivendicare con forza vista la sua importanza strategica».